12 giu 2010

Che esibizionista

Due episodi targati Eleonora.
Dunque, tempo fa si va a Milano. Io, Manu ed Ele. La prima mattina giro turistico del centro storico, prendiamo l'efficientissima metro meneghina e usciamo a San Babila. Sotto i portici c'è un signore che suona il sax alto, con traccia audio di accompagnamento - come usa di questi tempi. Ad Ele piace la musica, in generale, e da quando è piccola è incoraggiata (da tutti me compreso) a lasciarsi andare col corpo alla melodia. Insomma, a ballare. Suvvia, è il modo più naturale di reagire al suono articolato, diciamo così, e persino un orso non-ballerino come me non può negarlo: viene prima dell'imitazione, ossia del canto. Da amante della musica e pianista, non potevo che avallare la cosa.
Torniamo a noi. Prima fase: la conduciamo davanti al tizio, ascoltiamo per un po' (Glenn Miller, se non erro) e quindi la invitiamo a depositare un "soldino" nella custodia aperta. "Dove?" chiede conferma lei, "Lì, vedi quella scatola aperta?" le rispondo indicando in maniera inequivocabile. Lei fa segno di sì con la testa e poi assume un'aria decisa. Afferra il soldino (un euro, da bravi pulciari) e corre verso il signore che suona. Vai Ele, vai... no ma che fai, NON LI'! tling, fa la monetina che scivola nell'imboccatura del sax.
Io e Manu per terra a ridere, dopo aver verificato che suonatore l'aveva presa bene e aveva prontamente svuotato lo strumento. Fiuuu. Ma qui arriva il bello. Incoraggiata dalle risate, pare, mia figlia comincia a ballare. E va avanti diversi minuti, con tanto di gente che si ferma e turisti che fanno fotografie. (E poi oh, sarà l'occhio del papà, ma a me sembra stranamente adulta nelle movenze, nonostante abbia 27 mesi). Dopo aver visto un tipo tirare fuori la videocamera decido che è ora di levare le tende e la porto via di peso. Fine del primo episodio.
Secondo episodio, pochi giorni fa in una libreria Feltrinelli di Roma. Caso vuole che ci sia la presentazione dell'ultimo album di Lino Cannavacciuolo, violinista e compositore poliedrico della scena classica contemporanea italiana. Esibizione dal vivo, con tanto di palco e qualche fila di sedie. Siamo entrati per comprare qualche libro nuovo alla nostra gnoma, ma non appena riconosco il suono live mi prendo Ele in braccio e mi addentro tra gli scaffali alla ricerca della fonte: trovo ben presto gli autori della performance, pianista percussionista chitarrista e violino solista (che poi è Cannavacciuolo stesso). Poca gente, mi metto in buona posizione ma non troppo a ridosso del palco per rispetto alle orecchie delicate della mia piccola - che nel frattempo comincia a battere le mani a tempo. La redarguisco all'istante dicendole di ascoltare e parlare piano perché i signori stanno suonando. La musica è trascinante e l'esibizione molto coinvolgente, Ele apprezza e alla fine si unisce al resto del pubblico in applauso spontaneo. Torno da Manu al reparto libri per bambini e le dico: tienila d'occhio tu per un po' così scelgo qualcosa anche io in libertà. E se ne vanno altrove.
Rovisto, leggo, scelgo (fiabe dei Grimm). Poi vado a cercare le mie donne. Arrivo quasi fin fuori della libreria, se non altro perché penso che Manu non la porterebbe mai vicino alla musica così alta (in effetti gli strumenti erano a mio avviso sovra-amplificati) ma non le trovo. Cerca di qua, cerca di là, alla fine mi ripeto che una volta eliminato l'impossibile ciò che rimane - per quanto improbabile - dev'essere la verità. E torno vicino alla zona dell'esibizione. Vedo Manu defilata sulla destra, dietro l'ultimo scaffale. Ma non riesco a individuare Eleonora. Guardo ancora Manu. Sta facendo gesti a qualcuno di fronte al palco. Oddio.
Vi regalo dieci centesimi se indovinate chi stava ballando, proprio tra la prima fila di sedie e la scaletta del palco, sulle note indiavolate del violino. Ballando, battendo le mani, ululando. E il pubblico (molto più nutrito di prima) a incitarla, compresi gli immancabili fotografi.
Sarò fissato, ma la prima cosa che ho pensato è stata: De Filippi, GIU' LE MANI.

4 commenti:

Carla ha detto...

Eccolo lì, lo sapevo che alla fine ti ci beccavo: "italo maschio padre"!
Adesso ti aspettano dei bei corsi di musica-danza per un brillante futuro musical-ballerino della tua gnoma!!!!!

Fabio ha detto...

Comunque hai pensato subito al programma più culturale delle reti Mediaset... potevi pensare anche a Veline... Pensa se torna dall'asilo e ti dice che si è fidanzata con il bambino più bravo a giocare a calcio :-0

Ema ha detto...

Dovrei solo essere contento perché le piace la musica, altroché... e invece pure su questo mi fanno venire le paturnie! Dannato mondo.

Guisito ha detto...

Si prepara per la discoteca. Ne avrai da passare di notti insonni, quando alle 4 del mattino ancora non si sarà ritirata dalla disco.
Guisito