23 set 2008

BLEAH

Travaglio come a volte accade dà voce alle mie ruminazioni di qualche giorno fa. Ascoltatevelo perché merita. Olmert, premier israeliano, si dimette solo perché è indagato (per finanziamenti illeciti, una minchiatina rispetto al Nostro) e noi in Italia c'abbiamo Silvio che oltre ad essersi fatto la legge per diventare untouchable, continua a ostacolare il processo Mills come può. E i giornali vanno dietro all'avvocatina implume (che non c'entra nulla, beninteso) che per un giorno ha difeso Berlusconi e quindi fa tanta tenerezza, invece di denunciare i due avvocati parlamentari che si fanno in quattro per boicottare le udienze. L'articolo "vero" almeno sul Corriere è uscito, ma mi era in un primo momento sfuggito perché come al solito tra i più letti ci sono quelli di gossip, tipo chi è l'accompagnatore mascherato di Pamela Anderson o la fotogallery delle veline o, appunto, l'emozione dell'avvocatessa giovane e carina che difese il premier d'ufficio.
PS Sempre per il ciclo letture edificanti, beccatevi questo articolo gustosissimo sul Corriere di oggi. Non so chi l'abbia scritto ma costui o costei è veramente un grosso.

2 commenti:

guisito ha detto...

Ma non l'ha scritto Maria Laura Rodotà?

Ema ha detto...

pare proprio di sì. Ma giuro che quando l'ho letto la prima volta non era firmato ;)